Frullatore a immersione, il ‘maghetto’ della cucina

Fra i più popolari e venduti piccoli elettrodomestici usati in cucina non possiamo non mettere in prima fila il frullatore a immersione. Di dimensioni ridotte, fra i 25 e i 30 centimetri, è comodo, pratico e ultramaneggevole grazie anche ai rivestimenti antiscivolo di cui sono dotati i migliori modelli in commercio.

Conosciuto anche con il nome di mixer, questo utensile nato per frullare in realtà fa molto di più in quanto mixa per la preparazione di cibi dolci e salati, come le basi per zuppe, minestre e frappè. E se non bastasse, monta la panna, crea salse, fa il pesto, amalgama sughi, impasta composti per pizze e, se è equipaggiato di accessori, affetta, grattugia, trita, spreme, strizza e tanto altro ancora. Eppure, a guardarlo è un comune oggetto piccolo e insignificante, ma quando si mette in moto diventa un caterpillar…se

I diversi sistemi di smaltimento del vapore acqueo in una lavastoviglie

In fatto di prestazioni le moderne lavastoviglie sono davvero delle fuoriclasse, potenti e infaticabili, in grado di sgrassare lo sporco più incallito. Per aiutare la lavastoviglie a fare meglio il suo dovere bisogna sapergli dare il giusto input, mediante una programmazione corretta e anche economa, sempre con un occhio puntato al risparmio. Un consiglio su tutti, impostare sempre basse temperature, se possibile, in modo da risparmiare sulla bolletta dell’acqua e della luce. Le performance degli ultimi modelli di lavastoviglie in commercio, visibili su www.sceltalavastoviglie.it, sono dimostrabili guardando il risultato, di solito stoviglie brillanti, pulite e perfettamente asciutte, grazie ai nuovi sistemi di evaporazione naturale che funziona, più o meno, così: per l’ultimo risciacquo si imposta la gradazione della temperatura al massimo livello, in modo che surriscalda le stoviglie facendo evaporare l’acqua rimasta per un effetto di asciutto impeccabile.

La

Consigli pratici (e semi-seri) per il buon uso della lavatrice

Se si vuole ottenere il massimo da una lavatrice bisogna saperla usare. Oggi, magari, si può anche rischiar di perdere la bussola fra programmi, sensori e optional, non è più come una volta quando bastava girare una manopola e il gioco era fatto, per far funzionare bene una lavatrice moderna sembra di dover mettere mano a un computer più che a un elettrodomestico. Il modo per imparare, però, c’è a partire dallo stropicciato e spesso a torto trascurato libretto di istruzioni dove c’è scritto tutto, ma proprio tutto, sulle prestazioni e i programmi di quel dato modello, è solo che a volte per pigrizia o per la fretta si preferisce lasciar perdere ricorrendo al metodo intuitivo che, al cospetto delle mille e una potenzialità delle macchine di ultima generazione, è destinato a fallire miseramente.

Allora, che fare? Magari, un’infarinatura di

Cosa ci serve per fare un tatuaggio?

I tatuaggi sono da sempre un modo per esprimere la personalità e l’individualità di ognuno di noi, e soprattutto nei nostri giorni sono molto apprezzati. Chi non ne ha almeno uno? Sono pochissime le persone che ancora non hanno ceduto al fascio di ago e china. Anche il numero di tatuatori è in forte aumento, proprio perché oggi si guarda a questa tecnica come a una normale forma d’arte – e inoltre la domanda è talmente tanta che non c’è il rischio di trovarsi senza lavoro. Se anche tu sei tra quelli che hanno intenzione di imparare quest’arte questo articolo fa per te: vedremo infatti quali sono gli strumenti necessari per poter creare un tatuaggio, cosa sono e a cosa servono nel dettaglio. Informazioni e contenuti simili si possono trovare su questo sito internet dedicato alla cura del corpo.

Per

Cos’è e come scegliere un cavatappi da sommelier?

Appassionati del vino o sommelier professionisti possono fare affidamento su uno strumento preciso e performante per aprire in pochi istanti una bottiglia di buon vino. Parliamo di un cavatappi da sommelier, ovvero un prodotto eccellente e di gran lunga migliore rispetto ai normali cavatappi destinati a un uso domestico. Sceglierne uno è molto semplice, basta conoscere il prodotto e capire quali sono le caratteristiche che lo rendono così efficiente e di qualità. Nelle breve righe che seguono ci occuperemo di fornire tali informazioni, mentre qui è possibile sapere quali sono i migliori cavatappi da sommelier dell’anno in corso.

Nella forma un cavatappi da sommelier è facilmente riconoscibile. È composto da una lama, solitamente a scomparsa (e nei modelli di qualità anche seghettata), utile per recidere il rivestimento posto sul tappo vero e proprio della bottiglia che intendiamo aprire, una spirale,